IT knowledge base
CTRL+F per cercare la tua parola chiave

Per far sì che la tua cultura accolga tutti, cerca di lavorare di meno.

Il mio primo lavoro di sviluppo software è stato programmare in C++ per JD Edwards, ora parte di Oracle. Ci ho lavorato dal 1996 al 2000. È così diverso da qualsiasi lavoro che ho svolto da allora, in così tanti modi diversi che lo attribuisco sempre alla breve fase “pre-Internet” della mia carriera. Ma c'è un momento del genere: la squadra in cui ho lavorato era la più diversificata di quelle in cui ho lavorato. E forse anche uno di quelli con cui doveva solo avere a che fare, nell'ambito del nostro intero settore.
Perché? Penso di avere una risposta.
La cultura e gli standard dell'area di lavoro di JD Edwards sono stati presi in prestito direttamente da IBM. Giacca e cravatta sono un must per gli uomini. Ogni giorno. Potresti lasciare la giacca sullo schienale della sedia in un cubicolo tutta la settimana, andare a casa e tornare con la camicia, ma se non portassi a casa la giacca per il fine settimana e la cambiassi ogni settimana, verresti segnalato . Se avessi iniziato a presentarti al lavoro alle 9 anziché alle 8:30, sarebbe stato segnalato. Nishtyak? Soda gratis. I casual Friday erano riluttanti a essere introdotti solo sotto la pressione del boom di Internet, perché altrimenti diventava più difficile assumere personale. Amavo il mio lavoro e odiavo il codice di abbigliamento e la routine.
I miei amici hipster hanno assunto startup di Internet e indossavano jeans, scarpe da ginnastica e magliette con disegni e scritte ironici. I loro uffici erano in un nuovo quartiere alla moda del centro, con ping pong e calcio balilla (le cene gratuite sono ancora una cosa del futuro). Erano amici di tutti i loro colleghi, si presentavano al lavoro alle 10:00 e di solito si ammassavano insieme nel bar subito dopo il lavoro. Ero molto geloso ... ma a causa della differenza nel codice di abbigliamento, non ho visto alcuna differenza nella diversità della squadra.
Ho detto prima che, fino ad oggi, il mio team di JD Edwards è stato il più diversificato per cui ho lavorato. Il mio primo capo era un'immigrata africana, il mio secondo capo era una donna chiamata "Mamma sulla quarantina". Nel nostro team, il grado di diversità era alto sotto tutti gli aspetti: genere, razza, religione, età, avere figli, origine, orientamento sessuale, disabilità, stato di veterano. Era un gruppo molto talentuoso e laborioso. All'epoca non conoscevo altre squadre, quindi non mi sembrava una cosa fuori dall'ordinario.
Tuttavia, odiavo questa dannata cravatta. C'è stato un boom di Internet dappertutto, e io sono rimasto bloccato qui con un gruppo di persone incredibilmente buone e generose, ma non hippie. Il venerdì alle 4:00, potevano nascondere una bottiglia di Coors Light dietro un monitor, partire un'ora dopo, guidare verso le loro case di periferia, a fastidiosi adolescenti e TV.
Ho smesso nel 2000. Era frivolo. Ho trovato lavoro in una società di software alla moda. L'ufficio era al centro. I miei nuovi colleghi erano fantastici. Indossavano magliette con disegni e scritte ironiche. Si è presentato al lavoro alle 10 o più tardi, ha lavorato per ore folli. Il venerdì, e molti altri giorni, dopo il lavoro, uscivano tutti a bere birra artigianale, poi tornavano a casa in loft alla moda o si dirigevano direttamente a uno spettacolo indie rock.
Erano tutti bianchi, giovani, non avevano figli, la maggior parte erano uomini. Le donne erano nelle risorse umane o nel reparto qualità (QA) o nella creazione di contenuti. I responsabili dello sviluppo erano per lo più uomini bianchi leggermente più anziani. I responsabili della qualità erano donne bianche, anche loro leggermente più anziane.
Uff.
La mia nuova azienda, grosso modo, assomigliava a tutto il nostro settore, di cui siamo così scontenti e in cui qualcosa sta cominciando a cambiare.
Non stavo più lavorando lì quando l'incidente delle dot-com ci ha gettato da qualche parte. La mia "vera" carriera nel settore è iniziata dopo, cioè JD Edwards e quest'altra azienda mi sono sempre sembrati un preludio a qualcosa che non capivo davvero. Ieri è cambiato tutto.
Ho avuto una discussione abbastanza ampia su Slack, con persone molto simpatiche, che hanno pazientemente permesso a un uomo bianco privilegiato di sollevare più volte il pericoloso tema della diversità e dell'appartenenza culturale. Una conversazione mi ha portato a scrivere questo post. Li ringrazierò per non aver menzionato i loro nomi e prometto che non ne parlerò mai più nella loro chat di Slack.
Scopri qual è il problema: ci sono molti modi per costruire questo ambiente inclusivo e godere della diversità che spesso deriva da ciò. Un buon modo che penso sia stato trascurato è quello di fare tutto in modo professionale. Quando la nostra cultura dell'ufficio è più focalizzata sul business che sulla socializzazione, riduciamo il numero di modi in cui diventeremo gli stessi. Quando lo facciamo, permettiamo alla diversità di fiorire . Se la tua cultura si aspetta che le persone siano oberate di lavoro o lavorino nei fine settimana, il carico di lavoro sulle persone al di fuori della maggioranza aumenta e questo riduce la tua capacità di mantenere la diversità tra la tua forza lavoro.
Ho visto i vantaggi di un concetto strettamente aziendale durante i miei sette anni presso Fog Creek Software e la sua sussidiaria, Trello.
Mi sono trasferito a Fog Creek nel 2008 da Google New York, dove avevo lavorato cinque anni prima. Google NY aveva una cultura aziendale mista: vendita e cultura tecnica, dovevi presentarti al lavoro alle 10, lavorare fino alle 8, quindi precipitarti in un bar con i tuoi colleghi. Lavorare in un'azienda di cui tutti parlano è stato emozionante, mi piaceva la sensazione di essere parte di qualcosa di molto grande. A volte ho lavorato per ore folli e ho viaggiato in tutto il mondo. È stato perfetto. Ho ancora molti buoni amici da allora. Non sto dicendo che a Google NY mancasse la diversità che la società Internet menzionata sopra ha fatto, ma lo stile di vita era divorante. Prima di tutto, eravamo Googler.
Quando sono arrivato a Fog Creek, eravamo solo una dozzina. Ho avuto uno shock culturale. C'era un po' di programmazione di coppia, ma non c'era un discorso molto "cool". Tutti gli sviluppatori si sono riuniti per pranzo a mezzogiorno, poi sono tornati nei loro uffici e hanno chiuso le porte. Alle 5:00 tutti si alzarono e se ne andarono. Ero completamente confuso. Ero in quell'ambiente divorante da così tanto tempo che ero un po' deluso da questa improvvisa limitazione del ruolo del lavoro nella mia vita.
Inoltre, mi sono abituato a un regime diverso e sono stato molto ispirato dal mio nuovo lavoro, quindi sono rimasto diverse volte di notte solo per prendere velocità. Dopo una settimana del genere, l'ingegnere più anziano della squadra si è presentato dietro di me alla fine della sua giornata.
“Sapete come chiamiamo le persone che lavorano dopo le 17:00?” ha chiesto.
"Come?"
"Scarabocchi".
Mi sfuggì una risatina, ma era serio. Non voleva che nessuno lavorasse durante orari di lavoro non necessari, perché all'improvviso tutti possono iniziare a rispettarlo. Ho capito tutto, ho adattato il mio programma in modo che fosse dalle 9 alle 5 e l'ho rispettato.
A quel tempo, Fog Creek era piccolo e non molto vario. Negli anni siamo cresciuti e abbiamo creato prodotti, lanciato singole aziende, rispettando sempre una tempistica ragionevole, cercando di fare tutto con professionalità.
A volte nel 2011, c'era un odore di cambiamento. Le persone del settore erano scontente della mancanza di diversità. Il post sul blog della nostra azienda, "Girls Go Geek, Again" , è diventato il più letto e il più condiviso della nostra storia (per quanto ne so, rimane tra i primi 3). Volevamo davvero costruire la diversità attraverso il nostro processo di assunzione: abbiamo iniziato con il nostro programma di stage, che è stato preso in prestito così tanto (che è anche il primo passo nell'assunzione a tempo pieno). No, non siamo diventati più diversi senza sforzo, molte persone hanno lavorato molto duramente per espandere il nostro processo di assunzione e abbiamo dovuto diventare molto creativi per costruire la diversità nel nostro ufficio.
L'articolo che ho appena linkato è un buon esempio. Quando volevamo diventare "più diversificati" reclutando e formando laureate della Flatiron School, lo abbiamo fatto solo perché non dovevamo diventare "più inclusivi" prima.
Questo perché la nostra cultura era focalizzata sul business in via di sviluppo: come il software viene sviluppato, venduto e mantenuto. Se sei felice di questo, appartieni automaticamente a lei. Non devi stare alzato fino a tardi, bere alcolici, suonare a Rock Band, giocare a giochi da tavolo, non devi andare a prendere i tuoi figli, andare in chiesa, non andare in chiesa o fare altro che lavorare dalle 9 a 5. e occuparsi del rilascio di un buon software.
Le attività sociali (birra, caccia agli gnocchi, giochi da tavolo, corsa) erano naturalmente separate dal lavoro. Nessuna carriera dipendeva dalla loro partecipazione.
Non sto facendo una campagna per un ritorno al formalismo in stile IBM. Ma penso che ci siamo persi qualcosa quando abbiamo cacciato le cravatte dal settore e messo le magliette.
Non so quanto possa essere utile a qualcun altro, ma la lezione che ho imparato per me stesso è stata questa: se vuoi costruire una “cultura inclusiva”, costruisci una cultura minimale. Costruiscilo attorno alla professionalità, ai confini e all'equilibrio tra lavoro e vita privata. Assicurati che il tuo team di gestione lo dimostri con le parole e con i fatti.
Mi è tornata in mente l'idea alla base di Getting to Yes, un classico lavoro di negoziazione. L'idea è che in una negoziazione, se limiti il ​​numero di punti su cui le parti interessate devono concordare, aumenti le possibilità di raggiungere un accordo. Metti da parte i tuoi desideri a favore di un accordo, concentrandoti solo sulle tue esigenze. Sembra ovvio quando guardi indietro, ma ha davvero rivoluzionato il mondo degli affari.
In vent'anni di osservazione della cultura minimale e professionale, non ho tirato tutto insieme. In realtà, sono la stessa cosa. Siamo tutti attratti a far parte di qualcosa di più grande, più stimolante e onnicomprensivo. È molto comodo e piacevole condurre una vita così comune quando i tuoi colleghi sono anche tuoi amici, e viceversa; quando sei in una conversazione davanti a una birra per risolvere i problemi che hai incontrato alla tastiera.
Ma forse ha un prezzo. Se abbandoniamo questo desiderio e ci concentriamo su ciò che vogliamo veramente ottenere - realizzare un buon software - forse apriremo nuove opportunità per noi stessi. Limitando il numero di punti su cui dobbiamo metterci d'accordo e il numero di ore che dobbiamo spendere per farlo, scopriamo naturalmente un mondo diversificato di persone di talento.