IT knowledge base
CTRL+F per cercare la tua parola chiave

Perché è necessario automatizzare le operazioni

La complessità dei sistemi IT operativi è in crescita. Devi gestire i dati in sistemi on-premise e data center cloud, trasferire le dipendenze tra piattaforme disparate, integrare e configurare nuovi strumenti e tecnologie. La necessità di modifiche rapide e di acquisizione dati in tempo reale dipende sempre meno da proprietà hardcoded, script auto-scritti e processi manuali. Per risparmiare tempo, migliorare l'affidabilità e ridurre la complessità, i team IT devono espandere l'automazione dei processi.

I leader delle infrastrutture e delle operazioni investono in strumenti e tecnologie di automazione in risposta alla necessità di velocità ed efficienza. L'automazione viene implementata in una varietà di settori, tra cui networking, gestione delle versioni e operazioni cloud, a dimostrazione di una spinta diffusa per aumentare la velocità e l'efficienza dell'infrastruttura e delle operazioni attraverso l'automazione.

- Gartner, Report di benchmark sull'automazione I&O 2019-2021

Cinque vantaggi dell'automazione dell'infrastruttura e delle operazioni

  1. Efficienza . Invece di attendere che l'amministratore allochi manualmente le macchine virtuali, puoi utilizzare il software automatico per creare ed eliminare dinamicamente le macchine virtuali in base al carico corrente.
  2. Affidabilità . L'automazione delle attività di routine e delle operazioni ripetitive, come l'aggiornamento delle autorizzazioni o la configurazione dei server, riduce il rischio di errori umani e riduce anche la frequenza e l'entità degli errori.
  3. Flessibilità . Le soluzioni di automazione spesso forniscono integrazioni dirette e accesso API low-code, consentendo ai team operativi di distribuire e implementare rapidamente nuove tecnologie o creare nuovi processi multipiattaforma senza script.
  4. Trasparenza . Automatizzando il monitoraggio di processi e sistemi, i team operativi possono raccogliere dati per ottimizzare processi e risorse, monitorare e migliorare SLA reindirizzando le risorse quando c'è una minaccia di crescita eccessiva del carico e anche ripristinare automaticamente i sistemi dopo i guasti.
  5. Produttività . I team operativi possono fare di più con meno risorse. Il carico di lavoro sui dipendenti è ridotto, hanno più tempo per risolvere compiti strategici a lungo termine utili per lo sviluppo dell'azienda.

Costruire le basi per lo sfruttamento moderno

L'agilità dell'infrastruttura aziendale digitale richiede ai team operativi di supportare rapide modifiche delle applicazioni, ridimensionare dinamicamente l'infrastruttura e trarre informazioni dai dati esistenti... I continui cicli di cambiamento e feedback richiesti per la digitalizzazione cambieranno gli approcci al monitoraggio, all'automazione, alla gestione dei servizi e alle strategie organizzative.

- Gartner, Predicts 2019: Operazioni IT

L'automazione di attività e processi consente di risparmiare tempo, aumentare la produttività e ridurre le interruzioni. Ma non è tutto. Poiché l'automazione può aiutare i team operativi a fare di più con meno, hanno ancora l'energia per migliorare, ovvero per ottimizzare.

Oggi, le tecnologie di intelligenza artificiale, gli adattatori API REST a basso codice e le piattaforme di sviluppo senza bisogno di programmazione si stanno rapidamente sviluppando, il che consente ai team di creare sistemi dinamici e flessibili che non richiedono quasi alcuna attenzione umana per il loro lavoro. Man mano che le aspettative dei clienti e le richieste del mercato si evolvono, i team operativi dovranno gestire nuove funzionalità per rimanere all'avanguardia nella digitalizzazione e competere con la concorrenza.

Orchestrazione e infrastruttura come codice

Connettori universali, integrazioni dirette e la capacità di eseguire API senza soluzione di continuità (assiemi .NET, servizi RESTful, righe di comando, stored procedure, ecc.): tutto questo è al centro dell'orchestrazione, ovvero la capacità di integrare e gestire quasi tutti i processi.

Gli strumenti di orchestrazione nascondono la complessità degli script utilizzati e consentono ai team operativi di creare processi end-to-end per gestire le interdipendenze indipendentemente dalla tecnologia utilizzata. Ciò apre la strada all'automazione e al controllo dei processi nei sistemi on-premise e cloud, nonché tra diversi servizi cloud, liberandosi dal legame con un fornitore specifico.

Inoltre, orchestrando centralmente i processi automatizzati, i professionisti IT possono utilizzare l'infrastruttura come codice per integrare l'allocazione delle risorse, la configurazione e le attività di autorizzazione nei processi end-to-end. E con la gestione centralizzata, il monitoraggio può essere implementato in tutta l'azienda.

AIOps

Per gestire e ottimizzare efficacemente ambienti complessi, le aziende utilizzano l'intelligenza artificiale per identificare i colli di bottiglia e la possibilità di guasti prima che si verifichino. Raccogliendo e analizzando grandi quantità di dati, gli strumenti di intelligenza artificiale possono attivare procedure di ripristino automatico e reindirizzare le risorse per prevenire il sovraccarico della potenza di calcolo e l'interruzione dei processi.

Inoltre, gli AIO forniscono visibilità su tutte le dipendenze di applicazioni e sistemi, riducendo significativamente il tempo medio di ripristino in caso di incidenti.

AIOps ha un valore enorme quando i suoi vantaggi e le sue capacità vengono estesi all'ambiente di automazione. I team di sviluppo e operazioni necessitano di un'infrastruttura IT flessibile in grado di adattarsi in tempo reale ai requisiti dinamici.

Iperautomazione

Questo termine descrive l'uso della tecnologia AI e dell'apprendimento automatico per trovare e automatizzare il maggior numero possibile di processi aziendali e IT. La maggior parte delle aziende adotta un approccio specializzato all'automazione, implementando più strumenti e lasciando molte attività manuali da automatizzare. Tali buchi nell'ambito dell'automazione possono essere colmati con un approccio unificato utilizzando lo sviluppo low-code e strumenti di orchestrazione intelligenti.

Successivamente, i processi automatizzati possono essere semplificati e ottimizzati, eseguiti più velocemente, con meno errori e un minor consumo di risorse. Gli algoritmi di intelligenza artificiale e machine learning possono coordinare le risorse di elaborazione, analizzare dati storici e attuali e prevenire ritardi attraverso operazioni automatizzate.

Quando in un'azienda viene automatizzato il maggior numero di attività possibile, diventa molto più semplice e veloce creare processi end-to-end affidabili che contribuiscono al raggiungimento di obiettivi aziendali nuovi o mutevoli. Coordinando gli strumenti con un'unica soluzione unificata, le aziende possono rispondere rapidamente alle mutevoli esigenze aziendali e alle realtà di mercato.

NoOps: il futuro delle operazioni IT?

Tecnologie come AIOps, cloud computing (SaaS / IaaS) e iperautomazione consentono ai reparti IT di ridurre drasticamente i processi manuali e abilitare ambienti autonomi completamente automatizzati.

La strategia NoOps include strumenti intelligenti per automatizzare completamente le operazioni quotidiane, nonché tecnologie di intelligenza artificiale o apprendimento automatico per gestire attività di livello superiore e più laboriose. In questo caso, rappresentanti aziendali e sviluppatori saranno in grado di eseguire processi in modo indipendente attraverso il portale self-service e utilizzare l'infrastruttura come codice per allocare le risorse necessarie. I team operativi non interverranno effettivamente.

I fornitori di cloud continuano ad evolvere lo stack tecnologico. Invece di fornire tutto "dall'hypervisor", si sono concentrati sull'iperautomazione e si sono assunti molte delle attività di amministrazione del sistema, tra cui l'applicazione di patch, backup e gestione del database. La combinazione di queste funzionalità crea un ambiente NoOps in cui il software e l'hardware definito dal software vengono forniti in modo dinamico.

- Deloitte, NoOps in un mondo senza server

Nella sua forma attuale, NoOps è piuttosto un'ideologia secondo la quale tutto ciò che può essere automatizzato dovrebbe essere automatizzato al fine di accelerare notevolmente l'esecuzione delle attività di routine e concentrare più risorse nel ciclo di vita dello sviluppo del software al fine di soddisfare rapidamente le esigenze aziendali. Tuttavia, NoOps presuppone l'utilizzo di ambienti IT basati su cloud e non si occupa di requisiti di dati in continua evoluzione, nuove esigenze tecnologiche e gestione dei servizi IT. Pertanto, sebbene sia tecnicamente fattibile creare un ambiente NoOps nel cloud, molto probabilmente non durerà a lungo per NoOps.

Come ha affermato uno dei contributori all'articolo di Deloitte, "NoOps non è realmente realizzabile, ma è uno slogan efficace".